oggi : 23 Novembre 2017
 
 
network
home
aggiungi ai preferiti
mail
vai al forum
contatta la redazione
pagina indietro
inserisci il tuo annuncio nel mercatino annunci

Sezione: attualità inserito il: 29/03/2012
Continua inarrestabile la corsa dei prezzi del carburante
Continua inarrestabile la corsa dei prezzi del carburante che in alcune località ha visto la benzina sfondare il muro dei 1,9€ , mentre il gasolio si attesta a 1,795€. Un salasso continuo per gli italiani che ormai vedono la macchina essere diventata un vero lusso, e non più un mezzo di spostamento individuale. Continuare a dover subire questi continui aumenti, sta diventando veramente insopportabile per molte fasce sociali le cui risorse ormai sono ridotte al lumicino. Si tratta, in effetti, dell'ennesimo rincaro che non trova più giustificazioni, anche perchè il costo del greggio ha subito un leggero calo negli ultimi giorni. Il dramma vero è che per la metà almeno il costo del carburante è rappresentato da accise più tasse, un vero prelievo forzato sugli automobilisti che a questo punto potrebbero anche pensare di lasciare l'auto a casa.

Basta fare un giro sui Social network per trovare una moltitudine di messaggi di persone che non ce la fanno più ad andare avanti. Non solo messaggi, ma anche video youtube in mp3 che testimoniano come le persone non sappiano più cosa inventarsi per cercare di far quadrare i conti. I viseo sono tanti, come dicevamo, e potrebbe anche essere necessario un vlc download per poterseli scaricare e visionare successivamente in tutta calma. Farsi, in pratica, una sorta di archivio delle proteste, cosa che farebbe bene a fare anche l'esecutivo, piuttosto che vantarsi di godere del gradimento degli italiani.

Su questa affermazione di Monti, molti hanno dei dubbi, perchè con i continui salassi cui sono sottoposti in particolare i più deboli, pensare che questi abbiano manifestato un giudizio positivo sull'operato del governo è alquanto singolare. Dipende, ovviamente, da quali fasce sono state contattate per la rilevazione demoscopica, perchè non è ragionevole pensare che un pensionato che si è visto bloccare gli aumenti della già magra pensione a fronte di un aumento del costo della vita, si senta soddisfatto. Il principale obiettivo dell'esecutivo dovrebbe essere, invece, quello di preservare proprio i più deboli, coloro che in sostanza non hanno voce in capitolo, e che sono costretti a mantenere la baracca.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.