oggi : 23 Novembre 2017
 
 
network
home
aggiungi ai preferiti
mail
vai al forum
contatta la redazione
pagina indietro
inserisci il tuo annuncio nel mercatino annunci

Sezione: attualità inserito il: 27/06/2012
Vacanze a rischio per molti italiani
Vacanze a rischio per molti italiani quelle del 2012. Con la recessione che purtroppo è sempre più feroce, anche se per molti il peggio deve ancora arrivare, le vacanze dovranno necessariamente essere all’insegna del risparmio, cosa he non farà altro che aggravare ancor di più la recessione già in atto. Il classico circolo vizioso dal quale è difficilissimo uscire, a meno che finalmente l’esecutivo, i così detti tecnici nonché professori, non si sveglino dal sonno e non decidano di ridurre la pressione fiscale.

Già attualmente stanno di fatto chiudendo i battenti una miriade di piccole imprese, il vero tessuto economico del Paese, quelle che in sostanza non possono ricorrere agli ammortizzatori sociali perché non superano una soglia minima di dipendenti, Se poi a questo si dovesse anche aggiungere una ulteriore perdita di posti di lavoro anche nel settore del turismo, sarebbe un ulteriore colpo alle possibilità di rinascita del Paese, rinascita che si allontanerebbe ancor più. Continuare a parlare di crescita è diventato monotono, stupido, fuori luogo.

La prima crescita è quella legata ai consumi interni, ai soldi che le famiglie spendono e che muovono l’economia del paese, anche legata quindi alle vacanze degli italiani. Se saranno in pochi a spostarsi, l’economia del Paese diventerà ancor più asfittica, si assisterà ad un impoverimento generale del Paese, con tutte le conseguenze che questa circostanza porterebbe inevitabilmente con sé.
Ora, invece, sarebbe il caso di invertire la tendenza, invece ogni giorno che passa vi è il solito tecnico di turno che pontifica consigliando agli italiani di fare poche ferie, di non andare in vacanza. Una cosa del genere è veramente inconcepibile. A volte viene il dubbio, molto più che fondato, che si parli senza riflettere o che non lo si sia in grado di fare.

Ma si rendono conto questi signori che continuando a contrarre i consumi si rischia una vera e propria debacle? Si invitano gli italiani a fare dei sacrifici severi, a fare rinunce al limite della sopravvivenza e anche di più, ma si continuano a sperperare soldi pubblici. Non si taglia drasticamente il numero dei parlamentari, non si limitano le auto blu solo alle cariche istituzionali e ai membri dell’esecutivo, non si abolisce il rimborso elettorale.

Si continua di fatto a pretendere che gli italiani continuino a mantenere un gran numero di persone e strutture ad esse dedicare, e non si fa nulla per dimostrare di essere persone vicine alle necessità dei cittadini.

Questi signori che sono al timone del Paese, parlamentari tutti compresi, sono in sostanza dei dipendenti degli italiani e questi dovrebbero avere la possibilità di licenziarli, in qualsiasi momento e quindi non solo in occasione delle elezioni, se continuano a sfruttare i loro datori di lavoro.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.